Annus fructificat

Dublin Core

Title

Annus fructificat

Subject

Trekking Vaghe Stelle 2017

Description

un gruppo in viaggio per la ricerca, fatta con i piedi, da Breganze a Marostica, passando per Fara, Salcedo, Lusiana, Conco, Molvena e Pianezze

Nel saggio “Meteorologia applicata all’agricoltura” del 1775
l’abate e scienziato Giuseppe Toaldo, originario di Molvena e professore all’Università di Padova, riprende questo antico proverbio, tramandato dal filosofo e botanico Teofrasto (371- 287 a.C.), per dirci che “non tanto dalla terra, dai lavori, dagli ingrassi, dipende la felice vegetazione ed il successo dell’agricoltura; ma piuttosto dalla giusta temperatura delle stagioni, dalla costituzione dell’atmosfera, dal calore, dall’umidità, dalla distribuzione delle piogge…”
Queste considerazioni ci sembrano quantomai attuali in quest’epoca, da alcuni definita “Antropocene”, segnata dalle attività dell’uomo tanto da trasformare la geologia del pianeta e la temperatura dell’atmosfera, con progressiva perdita di fertilità dei suoli e l’impatto tangibile dei cambiamenti climatici.
All’epoca di Toaldo, senza l’occhio dei satelliti, era pressoché impossibile fare delle previsioni meteo, e più che gli scienziati erano i contadini a saper interpretare il microclima locale. Eppure, ci ricorda la studiosa Luisa Pigatto, le intuizioni e le osservazioni di Toaldo lo pongono alla base della moderna meteorologia. Anche se il nostro rapporto con le previsioni meteo è oggi in larga parte finalizzato all’organizzazione del tempo libero, ci sembra utile ricordare come la meteorologia nasca in realtà al servizio dell’agricoltura, e come il nostro Toaldo non abbia mai dimenticato le condizioni di vita e di lavoro dei contadini, dei suoi compaesani.
Accanto allo scienziato ci accompagnerà la voce dello scrittore vicentino Virgilio Scapin, che sulle colline di Breganze ha ritrovato una sua arcadia fragile, e dall’amicizia con il vignaiolo Firmino Miotti ha tratto ispirazione per raccontarci quel mondo rurale e contadino che, negli anni ’60 e ‘70 del boom economico, diventava sempre più marginale.
Nell’anno internazionale del Turismo Sostenibile indetto dall’ONU pensiamo possa essere utile riscoprire le figure di Toaldo e Scapin, per poi andare a sancire un nuovo patto tra mondo urbano e mondo rurale, fatto di scambio, di mutuo riconoscimento e di solidarietà.

Creator

Vaghe Stelle

Source

Virgilio Scapin

Publisher

Equistiamo - Vaghe Stelle

Date

21-25 aprile 2017

Contributor

Vaghe Stelle

Collection Items

A cielo aperto
A conclusione del cammino, Carlo Presotto ci guida nel Silent Play "A cielo aperto" tra le mura di Marostica e nel ballo in Piazza Castello, sulla famosa scacchiera su cui viene rappresentata la partita a scacchi a personaggi viventi.

Al Maglio Tamiello
Il cammino si apre con la visita al Maglio Tamiello, nei pressi di Breganze: il maglio risale agli inizi del XVI secolo e conserva i macchinari principali e numerosi attrezzi manuali appartenuti all'ultimo fabbro operante Angelo Giusto Tamiello,…

Abbraccio col ciuchino
Vaghe Stelle ha scelto fin dalla prima edizione compagni di cammino forti, generosi e silenziosi: gli asini. Camminare con gli asini è accordare il proprio passo secondo un ritmo che permette di respirare, volgere lo sguardo, prestare attenzione. Gli…

I Canevisti
A Breganze, un gruppo di amici, appassionati vignaioli, provetti vinificatori, saggi bevitori, si incontra per preservare i valori della cultura del vino. Accanto a un roccolo sulla collina si impegna a conservare i vitigni antichi autoctoni.

Cava Dipinta
Le Cave di Rubbio sono un esempio di come il territorio possa tornare a vivere: alla fine degli anni '80 l'artista bassanese Toni Zarpellon dipinge e crea delle istallazioni nelle tre cave, dando vita a un bestiario variopinto e umanissimo.
L'arte…

La vita è una ruota che gira
Visitiamo insieme a Loris Pasquale il suo affascinante Museo della Bicicletta: 150 mq di esposizione, con 60 modelli di varie epoche (la prima è un biciclo Michaux del 1863) e numerosi accessori.
View all 7 items